StorieInMovimento.org

III SIMposio estivo di storia della conflittualità sociale (2007)

Organizzato da Storie in Movimento — «Zapruder. Storie in movimento. Rivista di storia della conflittualità sociale» con la collaborazione del Groupe d’histoire sociale — «Histoire & Sociétés. Revue européenne d’histoire sociale», Associació de joves historiadors i historiadores de la universitat de Barcelona, Rete urbana per il territorio e la sua storia di Roma, e con il contributo e il patrocinio della Provincia di Perugia (Assessorato alle Politiche del lavoro, Formazione, Pubblica istruzione e Servizi per l’occupazione)
Ostello “Fattoria Il poggio”, Isola Polvese, Lago Trasimeno (Pg), Italia — 6-9 settembre 2007.

Presentazione: Tra storia sociale e storia politica. Incroci, opposizioni, frammentazioni nella pratica storiografica

L’esperienza del SIMposio estivo nasce all’interno di Storie in Movimento come un’occasione di approfondimento e di dibattito che si affianca alla rivista «Zapruder». Un laboratorio storiografico che intende rompere i confini e le distinzioni tra storia militante e pratica scientifica, tra “sapere alto” e divulgazione e rimettere in comunicazione luoghi e soggetti diversi attraverso cui si articola la produzione del sapere storico.

La forma stessa del SIMposio intende suggerire un’”orizzontalità” dell’approccio comunicativo che coniughi in modo nuovo discussione scientifica, impegno civile e trasmissione di saperi e metodologie. Nell’edizione 2007, il SIMposio spazia su varie aree tematiche di ricerca e dibattito storiografico, ma suggerisce in particolare ai/alle partecipanti di soffermarsi anche sulle interrelazioni fra storia politica e storia sociale. Le due espressioni ormai da tempo non designano più diversi oggetti di ricerca, e neppure approcci così ben distinti: con le eterogenee ibridazioni sempre più diffuse nel panorama storiografico globale degli ultimi anni, sembra quasi che le particolarità che tali espressioni una volta designavano, indicando magari pratiche di ricerca inconfondibili o addirittura contrapposte anche nei loro esiti immediatamente politici, siano già di fatto sfumate se non definitivamente superate.

Ma è proprio così?
Sono consegnate per sempre alla storia le diatribe che presentavano la storia sociale come dimissione volontaria dalla tensione politica, o la storia politica come ri/costruzione ideologicamente interessata di dinamiche storico-sociali in realtà molto più complesse? Qual è l’interesse che tali confini suscitano oggi nelle nuove generazioni di ricercatori e ricercatrici? Senza abbandonare la sua caratteristica di spazio per un dialogo di differenti interessi e approcci di ricerca, il SIMposio 2007 invita quindi a dibattere sull’attualità, l’utilità, la storicità o meno di queste ed altre definizioni di ambiti in cui ordinariamente (e precariamente) la storiografia rappresenta se stessa.

Materiali

Related Articles

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).