StorieInMovimento.org

Il seminario annuale di Zapruder

Meeting. Da oggi l’incontro della “rivista di storie in movimento”

Si apre oggi a Isola Polvese, lago Trasimeno (Perugia), il dodicesimo simposio di storia della conflittualità sociale (14-17 luglio) organizzato dall’associazione «Storie in movimento» come occasione di confronto e discussione che si affianca a «Zapruder. Rivista di storia della conflittualità sociale».

Non si tratta di un convengo di storici, ma di un laboratorio dal basso unico nel suo genere nel panorama italiano. Completamente autonomo e slegato dal sistema universitario, il simposio è uno spazio aperto, liberamente attraversabile, e rivolto a una generazione di studiosi e militanti che resiste. Resiste alla precarietà di un lavoro intellettuale sempre più svalutato, alla omologazione dell’accademia nel suo decadente isolamento. Anche per questo, il simposio non è uno spazio neutro, ma un terreno di militanza che concepisce la ricerca come messa in discussione della propria identità e dello stato dello cose presenti nella sua storicità.

L’incontro intende mettere in comunicazione «luoghi e soggetti diversi per raggiungere una produzione più articolata del sapere storico» e decostruire le narrazioni del passato «per non ridurre la storia al resoconto scritto delle cose così come accadute». Inevitabile conseguenza di quest’impostazione è una ridefinizione della mission della storiografia, sottratta all’erudizione positivistica e restituita alle scienze umane nella loro complessità. Egualmente, il concetto di «politica» si allarga fino ad abbracciare i diversi elementi che compongono il governo delle società, intese come agglomerati di poteri e di centri di resistenza.

Si comincia con dialogo sulla storia della presenza militare e coloniale italiana e sul suo uso pubblico nella costruzione del mito del «bravo italiano», argomento al centro anche del primo dei due eventi denominati Di/visioni (proiezione e discussione di If Only I Were That Warrior di Valerio Ciriaci). Venerdì i lavori proseguono con due dialoghi – uno focalizzato su conflitti religiosi e Islam politico nel mondo musulmano e l’altro sull’esperienza della rivista digitale in inglese «Zapruder World» – per poi assistere al secondo evento-spettacolo, un reading sul Liceo Dante di Firenze.

Sabato mattina saranno discussi i nuovi approcci e le differenti metodologie di ricerca in relazione ad alcune biografie di esponenti socialisti e comunisti italiani (Vite di classe. Profili di dirigenti del movimento operaio italiano tra politica e società), mentre il pomeriggio sarà riservato alla storia dell’attivismo digitale, centrando l’attenzione – con un apposito workshop – al caso Indymedia Italia. L’ultimo dialogo sarà dedicato al pensiero e alle pratiche femministe attorno a temi quali il corpo e la sessualità. Il programma completo e le indicazioni per partecipare su http://storieinmovimento.org/2016/05/03/xii-simposio-luglio-2016/.

(Pubblicato su «il manifesto» del 14 luglio 2016)

Related Articles

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).

Iscriviti alla newsletter di SIM

powered by TinyLetter


Notice: Undefined index: scroll_top_target in /var/www/vhosts/storieinmovimento.org/wp.storieinmovimento.org/wp-content/plugins/scroll-top/inc/functions.php on line 36