StorieInMovimento.org

Fronti contrapposti: online Zapruder n. 10/2006

Al ritmo di uno a settimana, stiamo per chiudere il recupero in digitale dell’archivio completo del nostro quadrimestrale con la campagna #adottaZapruder

adotta_zapruder

Alla fine del 2004, quando il tema Guerre civili è stato proposto e votato come uno dei successivi numeri di «Zapruder» all’assemblea generale di Storie in Movimento, era in corso la seconda guerra del Golfo, iniziata da più di un anno con l’invasione dell’Iraq, nonostante il NO alla guerra fosse stato espresso in piazza da F15/2003, quella che la Cnn aveva definito la più grande manifestazione mondiale di tuti i tempi: oltre 110 milioni di persone in marcia da Melbourne (dove è partito il primo corteo) al Canada (dove si è concluso l’ultimo). Un soffitto di cristallo che ha finito per depotenziare la carica dello slogan “Un altro mondo è possibile” coniato dai movimenti sociali attivi a livello globale da Seattle in poi.

Copertina di Zapruder, n. 10 (mag-ago 2006)

Copertina di Zapruder, n. 10 (mag-ago 2006)

Il conflitto bellico tornava alla ribalta nello scenario internazionale, ne parlavano i movimenti, ne parlava anche il dibattito storiografico, occupandosi di guerra ai civili… cioè del coinvolgimento di uomini e donne solitamente estranei al mestiere delle armi.
Il contributo di Zapruder è stato quello di ragionare su: che cosa resta dopo una guerra civile?

Abbiamo così indagato le rappresentazioni di quello scontro cruento, detto anche “guerra tra fratelli”: memorie e rimozioni, ricostruzioni giornalistiche e storiche, monumenti e simboli, immagini e raffigurazioni; operazioni di uso pubblico del passato funzionali alla fine del conflitto, alla sua prosecuzione in tempo di pace.
E lo abbiamo provato a fare sul lungo periodo: dalla Roma Repubblicana alla ex-Jugoslavia, passando per la Resistenza italiana e per la guerra di Spagna.
E allargando i confini semantici del concetto di fratricida, andando a sondare anche comunità non omogenee dal punto di vista nazionale e/o identitario.

Con la campagna #adottaZapruder, l’intero numero è disponibile online in download gratuito.
Auspichiamo che la lettura sia spunto per una riflessione collettiva ancora oggi, nonostante il paradigma della guerra globale abbia cambiato scenari, ma continui a riproporre lo stesso schema binario del bene contro il male.

Ringraziamo Carlo per averlo digitalizzato.

Leggi l’indice del numero e scarica gli articoli cliccando sui titoli.

Related Articles

Post your comments

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).