StorieInMovimento.org

La Roma industriale degli anni Settanta

Quando: sabato 14 aprile 2018, h. 10:30
Dove: Centro di documentazione territoriale Maria Baccante – Archivio della Viscosa, via Prenestina 175, Roma
passaparola
info

Fabbriche romane negli anni Settanta Storia, memoria, testimonianze

roma industriale 1970

Clicca sull’immagine per ingrandire la locandina

Introduzione: Giovanni Pietrangeli, La Roma industriale negli anni Settanta

Interventi di: Comitato operaie Autovox, Raffaele Lo Russo (Birra Peroni), Maria Maggio (Voxson), Maurizio Rossi (Contraves), Aldo Polido (Fatmte)

Conclusioni: Ilenia Rossini

Coordina: CDT Maria Baccante

Negli anni settanta la città di Roma è una città in cui le fabbriche occupano uno spazio importante nel panorama economico e sociale. Le operaie e gli operai sono protagoniste e protagonisti di conflitti, vertenze, battaglie che si intrecciano continuamente con i movimenti sociali. Il lavoro è un terreno di incontro, di scontro e di relazione, attraverso il quale passano la militanza politica e il riscatto sociale. Lavorare in fabbrica significa conoscere sulla propria pelle tempi e modalità dello sfruttamento e della nocività ma vuol dire anche ritrovarsi insieme e combattere per i propri diritti.

Oggi il lavoro si presenta frammentato, parcellizzato, diviso e isolato. E’ sempre più difficile rilanciare forme di organizzazione e di conflitto sui luoghi di lavoro e l’apparente scomparsa di luoghi di produzione visibili quali le fabbriche rende ancora più dura la condizione operaia.

In un luogo, la ex Snia Viscosa, dove il tema del lavoro è al centro di un processo ormai lungo di riappropriazione storica, il Centro di documentazione territoriale propone di ascoltare dalla voce diretta delle operaie e degli operai la testimonianza di cosa significava lavorare in fabbrica nella Roma degli anni Settanta. L’intento è quello di riprendere in mano i fili di un racconto quantomai necessario per capire i nodi storici con cui dobbiamo confrontarci per poter pensare di trasformare la realtà in cui viviamo, dove il valore sociale e politico del lavoro è crollato e rischia di precipitare ancora.

Related Articles

Post your comments

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).