StorieInMovimento.org

Una sede per l’archivio dei movimenti sociali di Roma

Partecipa al crowdfunding dell’Archivio dei movimenti di Roma per un sede, per conservare, inventariare e rendere fruibili i documenti riguardanti le lotte sociali sviluppatesi in Italia a partire dagli anni Sessanta.

La memoria è lotta, sostienila!

L’idea

Vogliamo realizzare a Roma l’ Archivio dei Movimenti raccogliendo e organizzando la miriade di testi, fotografie, filmati e registrazioni audio sparsi nelle sedi più diverse e inaspettate. Vogliamo che questo sia un archivio multimediale, con accesso libero e gratuito.

Il materiale audio prodotto in 40 anni di trasmissioni è parte essenziale di questo progetto insieme ai materiali editi dai comitati, collettivi e associazioni che nel corso degli anni si sono avvicendati sul cammino dei movimenti di lotta e dell’antagonismo sociale. Si tratta di milioni di ore di trasmissione e decine di migliaia di testi scritti che abbisognano di essere catalogati e organizzati per poi essere digitalizzati e messi in rete.

E’ un lavoro enorme a cui molti volontari e volontarie stanno dedicando il loro impegno anche economico. Ma per farlo decollare abbiamo bisogno di una sede fisica attrezzata, di schedari, armadi e apparecchiature adatte allo scopo, per questo chiediamo il vostro sostegno.

Il progetto

Alla base del nostro progetto c’è la consapevolezza che la conservazione e lo studio della memoria sociale costituisce una importante posta in gioco nella lotta per il potere condotta dalle classi sociali. Impadronirsi della memoria infatti, è una delle massime preoccupazioni delle classi, dei gruppi, degli individui che hanno dominato e dominano i meccanismi di manipolazione dell’opinione pubblica, sempre più spesso consegnata all’oblio o all’ignoranza.

Basti ricordare -come esempio- che una inchiesta fatta nel 2006 dall’Istituto Piepoli fra 1024 studenti milanesi volta a conoscere l’opinione degli intervistati su chi fossero i responsabili della strage di Piazza Fontana, dette i seguenti risultati:

  • Il 18% degli intervistati non sapeva nulla della strage (in un precedente sondaggio del 2000 tale percentuale era del 3%)
  • Il 42% la attribuiva alle Brigate Rosse; il 39% alla mafia, il 22% agli anarchici, il 18,6% ai fascisti, il 4,3% ai servizi segreti.

Inchieste successive non ce ne furono, forse per il timore di risposte ancor più sconcertanti.

Non è per caso dunque che ci siamo posti il problema di organizzare e valorizzare il patrimonio di conoscenze sparso nei mille rivoli dell’impegno sociale e politico di tanti compagni e compagne.

Ma nell’iniziare questo lavoro è subito balzato agli occhi che un progetto di conservazione e studio della memoria sociale non può prescindere da un approccio olistico e che questo tipo di approccio sarà tanto più efficace quanto più saremo in grado di connettere tra loro gli scritti, le immagini e le parole.

Il riordino dell’archivio consentirà, al termine del lavoro di schedatura e inventariazione, il recupero dei dati su base informatica con la descrizione e la visualizzazione in rete di tutte le sezioni dell’archivio stesso.

Ma per giungere a questo risultato occorre che tutti i materiali disponibili – dagli scritti alle registrazioni audio e video – vengano convertiti in file informatici mediante un lavoro continuo di scannerizzazione e digitalizzazione.

I compiti da realizzare

In primo luogo occorre ristrutturare il locale esistente per renderlo adatto ad ospitare l’Archivio che sarà composto da tre ambienti:

  • Deposito materiali
  • Ambiente lavoro
  • Sala proiezioni e dibattiti

In secondo luogo occorre attrezzare ciascuno di questi ambienti in base alle loro finalità, dotandoli di:

  • Schedari, armadi raccoglitori e sistema di controllo dell’umidità (Deposito materiali)
  • Server, computer, scanner, sistema digitalizzazione e arredi da ufficio (Ambiente lavoro)
  • Proiettore, schermo e sedie (Sala proiezioni)

Spese previste

Lavori di ristrutturazione comprensivi dei servizi igienici e impianto elettrico

euro 21.000

Apparecchiature elettroniche, compreso proiettore e schermo

euro 9.000

Materiale da arredo (armadi, scrivanie, sedie etc)

euro 6.000

Totale

Euro 36.000

Related Articles

Post your comments

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).


Notice: Undefined index: scroll_top_target in /var/www/vhosts/storieinmovimento.org/wp.storieinmovimento.org/wp-content/plugins/scroll-top/inc/functions.php on line 36