StorieInMovimento.org
previous arrowprevious arrow

“Zapruder va in città”. Inizia il tour del numero 61
“Zapruder va in città”. Inizia il tour del numero 61

Iniziano le presentazioni di «Zapruder» numero 61, dedicato ai conflitti urbani.

«e penso al 12 dicembre ’69…»
«e penso al 12 dicembre ’69…»

Pubblichiamo oggi la recensione di Giovanni Pietrangeli al libro di Jessica Matteo sull'antifascismo militante.
Buona lettura!

SF e No future
SF e No future

Pubblichiamo un divertissement di Lidia Martin sul confronto tra
la psicostoria di Asimov e la prescienza di Herbert,
rispetto al rapporto passato-futuro.
Buona lettura!

Tutte le strade portano alla città. Sei domande a Vittorio Vidotto
Tutte le strade portano alla città. Sei domande a Vittorio Vidotto

Ci ha raggiunto la triste notizia della scomparsa di Vittorio Vidotto, che avevamo recentemente intervistato per il numero di «Zapruder» dedicato ai conflitti urbani.
Per ricordalo, liberiamo questo contributo in anticipo.

«Alle giornate con le chiavi in tasca…»: ciao Barbara!
«Alle giornate con le chiavi in tasca…»: ciao Barbara!

Ci ha raggiunto subito la triste notizia della morte di Barbara Balzerani.
In questo “mondo rovesciato”, giornalisti e opinionisti ci racconteranno di lei... noi invece la vogliamo ricordare con le "sue" parole.
Ciao Barbara!

Romanes eunt domus. È uscito il numero 63 di «Zapruder»
Romanes eunt domus. È uscito il numero 63 di «Zapruder»

Il numero indaga il peso dell’antico nella contemporaneità, per indagare come la storia antica - il suo utilizzo, recupero, sedimento - sia parte di un gioco di specchi continuo con la contemporaneità e i conflitti che la attraversano. Per andare oltre il concetto di “classico” è infatti necessario mettere in discussione quella forma mentis che ha creato la tradizione per nutrirsene.

Tra classics e cancel culture: intervista a Sasha-Mae Eccleston
Tra classics e cancel culture: intervista a Sasha-Mae Eccleston

Il numero 63 di «Zapruder», Romane eunt domus, si incentra sul rapporto fra storia antica e contemporanea. Il periodo "classico" è infatti ancora centrale nel nostro immaginario quotidiano, ed è la posta in gioco e a volte uno degli strumenti di conflitti. In questa intervista realizzata da Simone Ciambelli, uno dei curatori del numero, affrontiamo il nesso fra discipline classiciste, cancel culture, e campo accademico. Buona lettura!

Prendimi in cura da… voi! «Zapruder» n. 60 da oggi online
Prendimi in cura da… voi! «Zapruder» n. 60 da oggi online

Leggi online o scarica “Che gelida manina”, il n. 60 di «Zapruder», disponibile in download gratuito sul nostro sito a un anno dalla pubblicazione.

I garofani sono ancora rossi?
I garofani sono ancora rossi?

A ridosso del nostro 25 aprile, abbiamo chiesto a Giulia Strippoli di raccontarci il dibattito pubblico sulla "liberazione" portoghese e il 25 aprile 1974 in cui venne deposta la dittatura dell'Estado novo.

La storia si ripete sempre due volte, la prima come tragedia, la seconda come gioco in scatola
La storia si ripete sempre due volte, la prima come tragedia, la seconda come gioco in scatola

L'anno scorso, per la prima volta, al SIMposio abbiamo avuto un dialogo a tema giochi da tavolo, e abbiamo deciso di riproporre anche quest'anno una serata giochi.

Del conseguimento della maggiore età: SIMposio 2024
Del conseguimento della maggiore età: SIMposio 2024

Il SIMposio della conflittualità sociale diventa maggiorenne! Scopri tutto il programma della diciottesima edizione (18-21 luglio 20224).

«Rompere con la dipendenza dal capitale fossile»: intervista a Paola Imperatore
«Rompere con la dipendenza dal capitale fossile»: intervista a Paola Imperatore

A breve saremo in distribuzione con "Profondo Nero", il numero 64 di «Zapruder» che ricostruisce storia/storie del petrolio, lo anticipiamo con l'intervista a Paola Imperatore.
Buona lettura!

next arrownext arrow

Zapruder

Romanes eunt domus. Per una storia antica contemporanea
Pubblicato in: Zapruder

Il periodo “classico” (come modello, come memoria, come fondamento identitario) affolla il nostro immaginario quotidiano. Nel numero 63 di «Zapruder» cerchiamo di cogliere il peso dell’antico nella contemporaneità, per indagare come la storia antica – il suo utilizzo, recupero, sedimento – sia parte di un gioco di specchi continuo con la contemporaneità e i conflitti che la attraversano. A partire dal campo di studi stesso: intrecciato al potere, patriarcale, eurocentrico. Per andare oltre il concetto di “classico” è infatti necessario mettere in discussione quella forma mentis che ha creato la tradizione per nutrirsene. E se il timore è che l’abbandono del canone precostituito mandi in frantumi l’intera struttura culturale e identitaria nazionale, ben venga dotarsi di nuovi strumenti, nuovi sguardi, nuove domande, per evitare di chiedersi solo: «quanto spesso pensi all’impero romano?».

Continua

Sostieni Storie in Movimento

Visita il negozio | Crea un account | Modifica i tuoi dati | Visita il carrello

SIM è un progetto che mira a valorizzare punti di vista critici e alternativi sul passato e sul presente. Uno spazio orizzontale e collettivo, fuori dalle rigidità dell’accademia e completamente autofinanziato.

Abbonati, associati o fai una donazione!

Zap

Offerte

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).

Iscriviti alla newsletter di SIM