StorieInMovimento.org

Bologna: “Città, spazi abbandonati, autogestione”

Lo scorso 8 agosto, a Bologna, il Laboratorio Crash! è stato sgomberato contemporaneamente allo spazio Làbas. Sono fatti che vanno letti all’interno di un contesto, non soltanto locale, che noi di Storie in Movimento seguiamo e commentiamo da tempo, sentendoci complici e solidali con chi anima e vive quegli spazi. Di seguito rilanciamo un’interessante iniziativa che intende essere un’occasione di discussione allargata sul diritto alla città. Saremo presenti anche noi e contribuiremo con un intervento a più voci, in parte ripreso dalla riflessione aperta con l’uscita di “Capital city“, il numero 35 di «Zapruder» a cura di Ferruccio Ricciardi e Ivan Severi.

Quando: martedì 3 ottobre 2017, h. 9:00-19:00
Dove: Nautilus Autogestito, via San Giacomo 11 – Bologna
Organizzato da: Laboratorio Crash! –

Città, spazi abbandonati, autogestione

right to the cityDurante gli ultimi anni Bologna ha visto susseguirsi numerose occupazioni a fine abitativo o per attività sociali e culturali, così come innumerevoli sgomberi attuati nel più generale silenzio delle istituzioni. Questa serie di eventi ha portato in luce una mappa nascosta di luoghi abbandonati e lasciati alla polvere; diverse idee di città che si sono contrapposte; si sono determinate relazioni inedite tra centri e periferie. Dopo il nostro sgombero abbiamo scritto che abbiamo sempre vissuto «l’autogestione non come un fine ma come un progetto più ampio di cosa vuol dire abitare un territorio», e con questa iniziativa vogliamo produrre un momento di confronto a partire da questi temi.

Intendiamo dunque da un lato analizzare una serie di fenomeni urbani che stanno attraversando il divenire città metropolitana di Bologna, ma che riteniamo abbiamo portata più generale: la gentrificazione di sempre più aree; la musealizzazione del centro per una crescita economica della città legata solo al turismo; l’espulsione dal centro storico di sempre più ampie fasce sociali anche attraverso gli effetti di nuove piattaforme come AirBnb; la retorica della “rigenerazione” e della “smart city” per coprire politiche con effetti spesso deleteri per le fasce sociali più deboli. Dall’altro lato ci interessa sviluppare un dibattito politico per un’altra idea di città, la città dei luoghi abbandonati e dei nuovi confini urbani, la città migrante e impoverita, la città lavoratrice, precaria e dei fuori sede.

Leggi il programma.

(Foto di copertina: Antonio Villani – da Flickr.com)

Related Articles

Licenza

Licenza Creative Commons

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito sono disponibili sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (info qui).